PEG Vs BDDE. Nuovi agenti reticolanti anche per i filler hyaluron pen

Articoli recenti:

«La novità è che oggi sono stati messi a punto dei filler totalmente
privi di Bdde e Dvs, che usano come unico stabilizzante il Peg
(polietilenglicole). Una sostanza decisamente meno a rischio di
problemi post-trattamento», spiega l’esperta.
Il Peg ha un lungo collaudo alle spalle. Viene infatti usato da 30 anni
come aggregante, stabilzzante e vettore di molti farmaci, compresi
diversi chemioterapici. E, allo stato attuale, non si conoscono
reazioni indesiderate.
«Vantando un maggior profilo di sicurezza, i nuovi filler che
rinunciano al tradizionale crosslinkaggio a vantaggio del Peg sono
particolarmente indicati alle donne che soffrono di patologie
autoimmuni o hanno una polisensibilità allergica a diverse sostanze»
suggerisce la dottoressa Tamburlin.
«Più in generale, sono consigliati a chi non ha mai fatto un filler e ne
teme molto i possibili, anche se rari, effetti collaterali», conclude
l’esperta.

tratto da: https://www.starbene.it/bellezza/viso/antiage-nuovi-filler-reticolati/

Differenze tra gli agenti reticolati dei filler cross linkati

Esistono vari agenti reticolanti. Il più diffuso tra i filler è il BBDE acronimo di Butandiolo diglicidil etere. Nuovi promettente aziende produttrici di composti reticolati stanno orientandosi verso il PEG, polietilen glicole, un polimero lineare, privo di effetti tossici e molto solubile in acqua.

studi sull’utilizzo di peg nei filler

L’acido ialuronico (HA) è a polimero di derivazione naturale come componente principale del
matrice extracellulare. Avendo molti vantaggi, tuttavia, la sua chimica, lo rende facilmente degradabile da parte dell’azione della ialuronidasi.
Nello studio

Mechanical Improvement of Hyaluronic Acid (HA) Hydrogels and Incorporation of Polyethylene Glycol (PEG)

Ho-Yong Lee, Seol-Ha Jeong, Jae-Uk Baek, Ju-Ha Song, Hyoun-Ee Kim*
Department of Materials Science and Engineering, Seoul National University, Seoul, Republic of Korea
 

si è potuto constatare che l’introduzione di agenti reticolanti a base di PEG piuttosto che BBDE, portava a:

  • minore degradazione da parte dell’enzima ialuronidasi. Si traduce in una maggiore durata del filler stesso.
  • il reticolato formatosi con Peg ed acido ialuronico portava ad un minor gonfiore
  • migliore elasticità del macro complesso rispetto a legame tra acido ialuronico e bdde.
  • migliore resistività a forze di taglio del complesso con peg.
in conclusione

Gli idrogel HA reticolati a base di PEG sono stati confrontati con HA reticolato con BDDE dove i primi, hanno mostrato una diminuzione dei rapporti di gonfiore e maggiore elasticità, indicando un miglioramento delle prestazioni meccaniche ed un aumento delle performance del filler all’interno del tessuto, estendendone la sua durata per una minore esposizione all’enzima ialuronidasi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.