Tamponi molecolari Covid – residenti regione Lazio

Per tutti i residenti nella regione Lazio, le ASL mettono a disposizione un innovativo sistema di prenotazione per il tampone molecolare selettivo per diagnosticare la presenza del virus SARS-CoV-2

prenota tampone molecolare ora
I test diagnostici per la conferma dell’infezione da COVID-19  sono oggi eseguiti in diversi Laboratori, sia pubblici che privati accreditati, comunque autorizzati e coordinati dalla direzione regionale.
 
I test attualmente disponibili per rilevare l’infezione da SARS-CoV-2 sono i seguenti:
 
  1. test molecolare (o PCR), che evidenzia la presenza di materiale genetico (RNA) del virus. Viene eseguito su tampone rino-faringeo.
  2. test antigenico, che evidenzia la presenza di componenti del virus. Viene eseguito su tampone rino-faringeo.
  3. test sierologico tradizionale o rapido, che evidenzia la presenza di anticorpi contro il virus. I test sierologici vengono eseguiti su prelievo venoso e sangue capillare.
La circolare del Ministero della Salute del 29/09/2020 effettua la seguente classificazione:
 
TAMPONE MOLECOLARE: è il test attualmente più affidabile per la diagnosi di infezione da coronavirus.
TAMPONE ANTIGENICO: questa tipologia di test è basata sulla ricerca, nei campioni respiratori, di proteine virali (antigeni). I tempi di risposta sono molto brevi (circa 15 minuti), ma la sensibilità e specificità di questo test sembrano essere inferiori a quelle del test molecolare. Ciò comporta la possibilità di risultati falso-negativi in presenza di bassa carica virale (tC>25), oltre alla necessità di confermare i risultati positivi mediante un tampone molecolare.
 
QUANDO I TEST ANTIGENICI RAPIDI SONO UTILI
Il “tampone rapido” è stato recentemente introdotto per lo screening dei passeggeri nei porti e negli aeroporti, dove è importante avere una risposta in tempi rapidi.
 
Pur considerando la possibilità di risultati falso-positivi (per questo i risultati positivi al test antigenico vengono confermati con il test molecolare) e di falso-negativi (la sensibilità del test non è certo pari al 100% e, inoltre, bisogna considerare il “periodo finestra” fra il momento dell’esposizione a rischio e la comparsa della positività), grazie all’uso di tali test rapidi è stato intercettato comunque un rilevante numero di contagiati, probabilmente con alte cariche virali, che non sarebbero stati individuati in altro modo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.